registrati farmacie promozioni consigli servizi carta fedeltà contatti chi siamo

Il mal di orecchie non è sempre otite!

Lo sai che...

L'orecchio è tra i più complessi organi di senso: permette di ascoltare i suoni, di orientarsi nell'ambiente e di stare in equilibrio. È dotato di un prezioso e importante meccanismo di difesa che comprende una sorta di auto-pulizia del condotto uditivo che è il canale che convoglia verso la membrana del timpano i suoni che si captano con il padiglione auricolare. In questo condotto si produce il cerume, sostanza che ha una duplice funzione: lubrifica il canale auricolare e, grazie alla sua consistenza “collosa”, lo protegge dall'ingresso di materiale indesiderato, catturando e bloccando sporcizia e agenti infettivi che potrebbero raggiungere la parte interna dell’orecchio. Lo stesso cerume viene poi spinto fuori dal condotto uditivo. In genere, per l’igiene è sufficiente detergere quotidianamente il padiglione auricolare con acqua tiepida e detergente non aggressivo utilizzando con delicatezza un fazzoletto di cotone umido e risciacquando con cura i residui di sapone o schiuma. Dopo la detersione e il risciacquo è importante asciugare con attenzione l’orecchio utilizzando un asciugamano per evitare che l’umidità ristagnante possa favorire la proliferazione di germi.

Segnali dell'accumulo di cerume

Lo sai che...

Alcune persone sono predisposte alla formazione del tappo di cerume più di altre: coloro che hanno fisiologicamente una iperproduzione, chi pratica sport acquatici e i portatori di apparecchi acustici. In un’ottica di prevenzione, si possono utilizzare spray contenenti una soluzione isotonica di acqua di mare. Si tratta di prodotti che favoriscono la rimozione dell’eccesso di cerume ed eventuali ristagni di acqua. Un errore è cercare di rimuovere meccanicamente il tappo di cerume con cotton fioc, bastoncini, spatoline o pinzette: oltre a non avere successo, operazioni di questo tipo rischiano di causare lesioni al condotto uditivo e soprattutto alla membrana timpanica. Anche una quantità di cerume relativamente modesta può causare un calo uditivo quando dell’acqua entra accidentalmente nel condotto uditivo esterno. Il cerume, infatti, essendo una sostanza igroscopica, assorbe rapidamente l'acqua gonfiandosi, occupando tutto lo spazio disponibile. È quello che capita quando una persona, con piccoli depositi di cerume o un tappo che fino a quel momento non ha causato alcun sintomo, si tuffa in mare o in piscina e ha un calo significativo dell'udito. In questi casi, non ci si deve spaventare, ma rivolgersi al Medico, al Pediatra o al Farmacista per farsi consigliare un metodo appropriato per eliminare il tappo: una volta tolto, tutto tornerà normale.

Lo sai che...

I primi sintomi che devono far pensare a un accumulo di cerume comprendono:

  • la sensazione di orecchio "tappato"
  • il prurito all'interno del condotto uditivo.

Se si nota qualcosa che non va è sempre buona norma rivolgersi al proprio Medico curante o ad uno Specialista. Una volta individuato, il tappo di cerume può essere eliminato in autonomia attraverso l'applicazione locale di farmaci in gocce per ammorbidire e sciogliere il tappo a base di sostanze ad azione solvente ed emolliente, come per esempio dimetilbenzene e olio di mandorle: per applicarle correttamente è necessario inclinare la testa di lato e inserire le gocce nell’orecchio, rimanendo in questa posizione per circa 5-10 minuti, per poi lavare l’orecchio con acqua tiepida. Qualora i sintomi persistano, è necessario rivolgersi all’Otorinolaringoiatra.

Quando le orecchie fanno male

Lo sai che...

A volte, il dolore è davvero insopportabile. Il dolore all’orecchio, nei bambini come negli adulti, può essere provocato da cause molto diverse fra loro: infezioni, infiammazione con accumulo di muco, traumi. Gli sportivi che trascorrono molto tempo con la testa sott’acqua sono predisposti alla cosiddetta otite del nuotatore. Per attenuare il dolore è possibile utilizzare dei farmaci per uso locale: ne sono un esempio le gocce otologiche con azione anestetica, antidolorifica e antiinfiammatoria, alcune a base di procaina e fenazone. Consentono di alleviare rapidamente il dolore grazie alla doppia azione analgesica e antiflogistica. Il pratico contagocce permette di instillare facilmente il prodotto nell'orecchio. Non vanno mai utilizzate in caso di perforazione del timpano.

Quest’estate quindi ricordiamoci di proteggere la salute delle nostre orecchie!

Condividi



Cerca la tua Farmacia +bene!


OPPURE