registrati farmacie promozioni consigli servizi carta fedeltà contatti chi siamo

Gas intestinali

Lo sai che…

L’aria nello stomaco e nell’intestino è un disturbo tanto diffuso che non deve destare preoccupazione, ma può creare un serio imbarazzo e ridurre la qualità di vita. Benché se ne parli poco, è una condizione molto comune che può generare un significativo fastidio fisico e un serio disagio psicologico, soprattutto se il disturbo è ricorrente o persistente e se si mangia spesso fuori casa, si viaggia o si svolgono attività che implicano l'interazione costante con altre persone.

l gas sono normalmente presenti nell’apparato digerente in quanto si verifica una produzione fisiologica durante i processi digestivi e situazioni particolari possono favorirne l’incremento:

  • Eccessiva assunzione di aria durante la deglutizione di cibi o eccesso di bevande gassate
  • Processi digestivi alterati
  • Alterazione della flora batterica

l gas in eccesso possono essere espulsi attraverso la bocca o l’ano. I fenomeni legati al passaggio di gas sono principalmente tre:

  • Eruttazione: eccessiva eliminazione di aria attraverso la bocca
  • Meteorismo: distensione addominale
  • Flatulenza: eccessiva emissione dei gas dall’ano

L’eruttazione si verifica soprattutto subito dopo i pasti o durante periodi di stress. Alcuni soggetti avvertono un senso di oppressione toracica o gastrica poco prima dell’eruttazione che scompare quando il gas viene eliminato. Di norma, mangiando e bevendo si ingeriscono fisiologicamente quantità d’aria minime. Tuttavia, alcune persone ingeriscono inconsciamente quantità di aria maggiori (aerofagia): durante i pasti, mentre fumano, quando masticano chewing gum o con l’assunzione di bevande gassate. Questo fenomeno può essere in gran parte prevenuto mangiando con calma, seduti e rilassati, prestando la dovuta attenzione a masticazione e deglutizione, parlando poco e soltanto tra un boccone e l'altro e bevendo preferibilmente acqua naturale a temperatura ambiente.

Il meteorismo, la sensazione di distensione addominale, può essere presente in pazienti con processi digestivi alterati in cui si ha un aumento della produzione di gas. Ne sono esempi: un incompleto svuotamento gastrico, la sindrome dell’intestino irritabile, la stipsi, le allergie alimentari, le intolleranze alimentari e gli squilibri della flora batterica. Come conseguenza dell’accumulo di gas nello stomaco e, soprattutto, nell'intestino, si percepisce sensazione di gonfiore, tensione addominale, pienezza e disagio, che si riducono man mano che l'aria viene eliminata. Anche in questo caso le abitudini alimentari giocano un ruolo fondamentale. I principali alimenti che notoriamente promuovono il processo di produzione di gas da parte della flora batterica intestinale sono: l’eccesso di proteine, i legumi, il latte e i latticini contenenti lattosio (anche se non si è propriamente intolleranti a questo zucchero), l’eccesso di frutta  (banane, pere, albicocche, prugne, cachi, uva, fichi, mele ecc., specie se molto mature), i cereali integrali contenenti fibre e alcune verdure come broccoli, cavoli e cavolfiori, cipolle e porri.

Oltre alle bevande gassate, infatti, anche quelle contenenti zuccheri o dolcificanti ipocalorici come il sorbitolo, il vino, la birra e i succhi di frutta, ricchi di fruttosio, favoriscono la fermentazione intestinale e la conseguente produzione di gas in eccesso. Quasi tutti coloro che mangiano una grande quantità di verdure o frutta presentano un certo livello di meteorismo.

Inoltre, altri alimenti che è consigliabile inserire in quantità moderate nell'alimentazione quotidiana sono quelli grassi: di per sé non costituiscono un problema, ma la loro assunzione eccessiva rallenta la digestione dei carboidrati presenti in pasta, pane, riso, patate, frutta ecc., lasciando alla flora batterica intestinale più tempo per la fermentazione, con conseguente produzione di gas in eccesso. Anche la stitichezza o comportamenti e abitudini che contribuiscono indirettamente a rallentare la digestione portano allo stesso effetto: tra questi, il fatto di indossare indumenti che stringono in vita, masticare male e non sminuzzare a sufficienza gli alimenti prima della loro deglutizione.

Un’altra causa comune di gonfiore addominale è rappresentata dal gas in eccesso prodotto a livello dell'intestino come conseguenza dello squilibrio della flora batterica intestinale, dovuto ad un'alimentazione sbilanciata, a condizioni di ansia o stress, a infezioni gastrointestinali transitorie o a terapie antibiotiche.

Nella maggior parte dei casi si tratta di manifestazioni che vanno affrontate con tranquillità anche se il loro ripetersi può ridurre la qualità di vita. La soluzione è ottimizzare le abitudini alimentari, migliorare il processo digestivo e fare ricorso a farmaci che possiedono un’attività procinetica, cioè che accelerano il transito del cibo attraverso il tratto gastrointestinale, oppure farmaci più specifici per questo disturbo, a base di simeticone che ne facilita l’eliminazione.

Condividi


Ti può interessare anche...

Apparato gastro-intestinale e durata della digestione

Scopri la sua anatomia e come funziona.

Intestino

Disturbi digestivi

Esistono numerosi disturbi digestivi, con sintomi che variano ampiamente in termini di qualità e intensità a seconda del problema.

Intestino

Bruciore di stomaco e reflusso gastroesofageo

Per contrastare il bruciore, è importantissimo fare molta attenzione alle abitudini imparando a conoscere quelle che possono acutizzare questo disturbo.

Intestino

Stipsi

E' un problema comune a tutte le età, scopri come contrastarla.

Intestino

Diarrea

La diarrea non è una vera e propria malattia, ma un sintomo aspecifico, comune a numerose malattie, per lo più gastrointestinali.

Intestino

Sindrome dell’intestino irritabile

E' una condizione che si manifesta con intensità diversa attraverso molteplici sintomi, variabili da persona a persona.

Intestino

Prevenzione dei disturbi intestinali

I ritmi frenetici della vita quotidiana portano spesso ad abitudini alimentari che sottopongono il sistema gastrointestinale ad un carico eccessivo determinando la comparsa di disturbi.

Intestino

L'importanza dei probiotici nei bambini

In ambito pediatrico i probiotici hanno dimostrato di essere molto utili sui disturbi intestinali dei più piccoli.

Intestino

La celiachia

E' una malattia infiammatoria permanente dell’intestino scatenata dal consumo di alimenti contenenti glutine in soggetti geneticamente predisposti.

Intestino

Quando l'intestino è sottosopra

La diarrea è un disturbo intestinale molto comune nei mesi estivi. Scopri come evitarla!

Intestino


Cerca la tua Farmacia +bene!


OPPURE